Ammontano a quasi 200 anni di carcere, da dividere tra i 17 imputati, le richieste di condanna del sostituto procuratore Giuliano Caputo

A meno di un anno dal fragoroso arresto di politici e imprenditori melitesi, questa mattina la Direzione Distrettuale Antimafia ha espresso le sue richieste di condanna per i 17 imputati arrestati arrestati nell’aprile dello scorso anno per voto di scambio politico mafioso, attentati ai diritti politici del cittadino, associazione di tipo mafioso, corruzione, concorso esterno in associazione mafiosa, tentata estorsione.

Pugno duro del sostituto procuratore Giuliano Caputo che, nel corso del processo che si svolge con rito abbreviato, ha chiesto in particolare  10 anni di carcere per l’ex sindaco Luciano Mottola, 39 anni, eletto nel 2021 alla guida di una coalizione di centrodestra, 12 anni per l’ex presidente del Consiglio comunale Rocco Marrone, 12 anni e quattro mesi per il 26enne ex consigliere di FdI Antonio Cuozzo, 13 anni per l’imprenditore Emilio Rostan, 9 anni e quattro mesi per Vincenzo Marrone e otto anni e due mesi per Marco Ascione; 20 anni e otto mesi fi carcere sono stati poi chiesti per il 39enne Luigi Tutino e undici anni e sei mesi per Luciano De Luca, entrambi ritenuti esponenti del clan Amato-Pagano.

Il Comune di Melito è stato commissariato dal Consiglio dei Ministri su richiesta del Ministro Matteo Piantedosi proprio per i gravi condizionamenti riscontrati. 

Qui tutte le richieste della DDA 

Ascione Marco: 8 anni e 2 mesi
Chiariello Salvatore: 9 anni e 6 mesi
Ciccarelli Rosario: 11 anni e 6 mesi
Cuozzo Antonio: 12 anni e 6 mesi
De Luca Luciano: 11 anni e 6 mesi
De Stefano Antonio: 9 anni e 8 mesi
Della Gaggia Francesco: 10 anni
Marrone Rocco: 12 anni
Marrone Vincenzo: 9 anni e 4 mesi
Martinelli Rosario: 9 anni
Mottola Luciano: 10 anni
Napoletano Edoardo: 10 anni e 2 mesi
Rostan Emilio: 13 anni
Ruggiero Luigi: 14 anni e 6 mesi
Siviero Francesco: 10 anni e 6 mesi
Siviero Giuseppe: 15 anni e 6 mesi
Tutino Luigi: 20 anni e 8 mesi 

Commenti

commenti