Oggi la comunità giuglianese si è stretta intorno al dolore della famiglia Rotta, prendendo parte ai funerali di Pierluigi, il 34enne originario di Pozzuoli che ha perso la vita lo scorso 4 ottobre durante una sparatoria presso la questura di Trieste, mentre era in servizio con il collega Matteo Demenego, rimasto ucciso.

I funerali si sono svolti presso la chiesa “Sacra Famiglia” di Lago Patria, frazione di Giugliano, provincia di Napoli, in cui la famiglia dell’agente da qualche anno viveva.

Commossa la partecipazione di tutti i cittadini, i quali si sono radunati per porgere un ultimo saluto al giovane poliziotto, accogliendo la salma all’ingresso dell’edificio con un lungo e sentito applauso.

Presenti alle esequie diverse autorità, tra cui il governatore campano De Luca, il vice capo della Polizia Antonio De Iesu, il prefetto di Napoli Carmela Pagano e tantissimi altri colleghi in divisa.

Il questore di Napoli Alessandro Giuliano, ha voluto inoltre prendere la parola durante la cerimonia e pronunciare un discorso in memoria della vittima.   “Pierluigi, grazie di essere stato dei nostri, con il tuo sorriso rappresenti il meglio della Polizia di Stato” afferma il questore, che aggiunge “Siamo onorati di indossare la tua stessa divisa. Cercheremo di esserne all’altezza”. 

Giuliano ha poi espresso la massima vicinanza ai familiari della vittima, rivolgendosi in maniera sentita al padre di Pierluigi, ex poliziotto in pensione.

“Oggi tutti noi, intorno a Pierluigi e al suo collega, vogliamo esprimere la fraternità che sentiamo nell’anima e sentiamo di vivere la stessa sofferenza e la stessa speranza, perché sappiamo che Pierluigi ha impegnato propria vita, è caduto mentre affermava in nome della società civile i valori di vita umana che anche noi crediamo e vogliamo, e per i quali vogliamo impegnarci ogni giorno”. Si è così espresso Angelo Spinillo, vescovo di Aversa durante l’omelia pronunciata ai funerali.

ll sindaco di Giugliano in Campania, Antonio Poziello, ha proclamato il lutto cittadino.

Gaia Martino

 

Commenti

commenti