Non dimenticate mai che noi studenti siamo il futuro, saremo gli uomini e donne del domani e vorremmo poter fare di questo mondo, un mondo migliore

 

Eccoci qui, siamo gli studenti, siamo tutti i bambini e gli studenti di melito di Napoli che attendono con ansia l’apertura delle scuole.

Eh si, perché qui da noi la scuola stenta ad aprire e noi abbiamo tanta voglia, dopo lunghi mesi, di ritornare nei banchi, nelle nostre aule con le nostri insegnanti.

Sappiamo del pericolo del terribile virus ma grazie ai nostri genitori e ai nostri insegnanti saremo degli studenti diligenti.

Osserveremo scrupolosamente ogni obbligo, dei veri modelli!

Oggi martedì 29 settembre siamo ancora qui in attesa, perché?

L’unica cosa di cui siamo a conoscenza è di non chiedere tanto perché l’istruzione è un nostro diritto.

Chiediamo ai nostri organi dirigenti di adoperarsi il più presto possibile per offrirci la gioia di riviverci, nonostante le precauzioni anti-covid, con i nostri compagni, di poter tornare ad interagire fra di noi e con i docenti e soprattutto di poter stare in strutture sicure ed efficienti.

Chiediamo, semplicemente, di tornare ascuola!!!

La scuola dovrebbe essere per noi, lo strumento di emancipazione per eccellenza; dovrebbe essere il riscatto sociale di un paese dove si parla “cambiamento”.

La scuola è il futuro, è l’unico strumento che abbiamo noi bambini e soprattutto noi adolescenti per non prendere strade sbagliate.

È doveroso e rispettoso nei nostri confronti, piccoli cittadini, offrire una scuola sicura non eccellente ma sicura, adeguata ad ospitarci.

Formare una generazione rigorosa, dotta e fiera del proprio paese, una generazione prosperosa e che non miri poi ad andarsene fuori, ma che continui a radicare le sue radici lì dove sono nate, al fine di renderlo ancor più prosperoso, dovrebbero essere uno degli obiettivi principale di tutti gli organi istituzionali.

Non dimenticate mai che siamo il futuro, saremo gli uomini e donne del domani e vorremmo poter fare di questo mondo, un mondo migliore.

Commenti

commenti