È stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Giugliano in Campania, un uomo di 41 anni resosi responsabile del reato di atti persecutori nei confronti dell’ ex compagna.
Stando alle prime ricostruzione del caso le prime violenze erano iniziate a giugno 2019, e ciò aveva impedito alla vittima di uscire da sola, di trovarsi una attività lavorativa o di frequentare le proprie amicizie e frequenti erano le espressioni ingiuriose e le minacce, anche di morte, o di essere sfigurata con l’acido.
In alcune circostanze la donna era stata aggredita anche fisicamente, con schiaffi e pugni e, in una occasione, era stata spinta con la schiena all’infuori della balaustra del balcone del suo appartamento sito al quarto piano, sotto la minaccia di essere scaraventata di sotto.
L’uomo, che in un primo momento si era reso irreperibile, è stato rintracciato dai militari e condotto presso il carcere di Napoli Poggioreale.

 

 

 

Teresa Barbato

Commenti

commenti