Sfiorata tragedia nel napoletano

È accusato di estorsione e maltrattamenti familiari un 54enne di Grumo Nevano, già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo, armato di un grosso martello, si sarebbe introdotto nell’abitazione della figlia 35enne, dove avrebbe iniziato a minacciarla.

Insieme alla figlia, era presente anche l’ex moglie dell’uomo che era stata segregata nel bagno dell’abitazione affinché non potesse intervenire.

A quel punto, il 54enne ha chiesto dei soldi a sua figlia, precisamente 300 euro, e al suo rifiuto avrebbe iniziato a minacciarla, affermando che le avrebbe spaccato la testa e poi le avrebbe dato fuoco.

Grazie ad un momento di distrazione dell’uomo, la 35enne sarebbe, però, riuscita a chiamare i soccorsi che sarebbero sopraggiunti immediatamente.

I militari dell’arma hanno bloccato il 54enne che si trova ora nel carcere di Poggioreale in attesa di giudizio.

 

Commenti

commenti