Potrebbe essersi trattato di una resa dei conti

Una vera e propria stesa quella della scorsa notte nel Rione Berligieri, all’altezza del civico 48 di via Giovanni Diacono.

Sul posto i militari dell’arma che hanno trovato diversi bossoli ma nessuna macchia di sangue.

Messi al setaccio anche i Pronto Soccorso ma sembra che nessuno sia giunto in ospedale con ferite di arma da fuoco.

A rendere le indagini ancora più difficili la mancanza di telecamere di videosorveglianza.

Il Rione è, però, considerato un feudo del clan Vanella-Grassi e, probabilmente, gli spari sono riconducibili proprio al clan e al fatto che nei giorni scorsi l’ex boss, Fabio Magnetti, abbia deciso di ammettere le proprie colpe.

Dai primi accertamenti sembrerebbe, però, che in zona non abitino pregiudicati di rilievo a cui potrebbe essere indirizzata l’intimidazione.

Laura Barbato

 

Commenti

commenti