Sono state scoperte 100 marche da bollo da 16 € cadauna, nascoste in un involucro occultato all’interno di una Mercedes Classe A.

A scoprire la stamperia abusiva sono stati i carabinieri del Comando Antifalsificazione Monetaria di Roma, reparto specializzato dell’Arma, operante nelle zone della provincia di Napoli e Caserta.

Pare che in queste zone sia stata rilevata la presenza di attività finalizzate alla produzione e smercio di marche da bollo false.

A bordo dell’auto c’era un  47enne, residente a Villa Literno, noto pregiudicato per reati specifici che è stato subito posto in arresto.

Diversi i locali coinvolti e adibiti a stamperie: in particolare, ne è stata trovata una all’interno dell’abitazione dell’uomo arrestato, dove in una delle stanze, c’era una vera e propria stamperia digitalizzata, attrezzata con 5 stampanti termiche e materiale hardware e software di ultima generazione che consentivano al falsario di personalizzare la stampa delle marche di bollo in bianco, confezionate in bobinotti di probabile matrice cinese.

 

Su diversi banchi all’interno della stamperia, già pronte 2500 marche da bollo false da personalizzare.

Il fenomeno della falsificazione di marche da bollo, poi utilizzate in atti giudiziari, certificazioni e pubbliche attestazioni, sta assumendo negli ultimi tempi una valenza sempre più preoccupante, anche in considerazione del fatto che, trattandosi di frode allo Stato, i danni milionari nei confronti dell’erario sono davvero di proporzioni enormi.

 

 

Marianna Di Donna

 

 

 

Commenti

commenti