Secondo la Nasa ha un diametro di circa due metri

 

Palomar Observatory, nel lontano 2018 in California, ha scoperto 2018VP1, un asteroide.

Tale asteroide, è diretto verso la terra e potrebbe colpirla, sebbene le probabilità siano inferiori all’1%.

In ogni caso, se anche l’asteroide dovesse arrivare a colpire il nostro Pianeta, essendo molto piccolo, con un diametro minore a due metri, non potrebbe creare danni.

Gianluca Masi, astrofisico del Virtualtelescope e coordinatore dell’Asteroid day, sostiene: “Questo asteroide si sta avvicinando dalla parte del cielo diurno, quindi solamente quando sarà prossimo al momento del passaggio e la sua osservazione sarà più agevole in orario notturno; succede molte volte che ci sia un’alta incertezza sull’orbita, per piccoli asteroidi come questo, osservati a ridosso del passaggio; la sua taglia molto modesta, anche se dovesse verificarsi un impatto, non desta comunque preoccupazione; vedremmo al massimo un grosso bolide”.

Facendo un confronto con la meteora che esplose in Siberia nel 2013, nel cielo di Celjabinsk, questa aveva un diametro di oltre 15 metri e una massa nettamente maggiore a quella dell’asteroide 2018VP1: in quel caso la meteora sbriciolò migliaia di finestre, ma non provocò nessun ferito, figurarsi quindi cosa potrebbe fare un asteroide così piccolo, che con ogni probabilità entrando nell’atmosfera terrestre, si disintegrerebbe.

Come è noto a tutti, ci sono tantissimi tipi di asteroidi, alcuni più grandi, altri più piccoli; quelli più pericolosi, in grado di scatenare una tragedia, fortunatamente non si trovano in rotta di collisione con la Terra.

 

Commenti

commenti