Era scomparso un anno fa, in seguito all’ordinanza di carcerazione, ma è stato ritrovato dai Carabinieri di Frattamaggiore durante un pattugliamento

 

Lo scorso novembre la Procura generale di Napoli aveva emesso un’ordinanza di carcerazione per estorsione aggravata dal metodo mafioso, furto e rapina nei confronti di L.P, 30enne di Arzano, affiliato al gruppo della “167”, collegato al clan Amato-Pagano.

L’uomo, irreperibile da un anno, è stato rintracciato e arrestato dai Carabinieri della Stazione di Frattamaggiore che, durante un pattugliamento a Frattaminore, lo hanno riconosciuto alla guida della sua auto e fermato. Nonostante fosse privo di documenti, i militari dell’arma sono riusciti comunque a riconoscerlo.
È stato trasportato in caserma e in seguito ai controlli, è stato trasportato al carcere di Poggioreale dove dovrà scontare una pena di un anno e 2 mesi.

Nell’auto dell’individuo sono stati ritrovati indumenti che, probabilmente, utilizzava per camuffarsi durante i suoi frequenti spostamenti da un posto all’altro.

Commenti

commenti