Sembra essere una vera e propria discarica quella ritrovata dalla Polizia Municipale di Arzano in una galleria della metropolitana dismessa, che si estende per 2 km da Secondigliano fino ad Arzano.

L’operazione è iniziata il 13 ottobre quando alcuni uomini della municipale si sono recati in prossimità della galleria e hanno recintato la zona.

La galleria in questione nel gennaio 1996 fu vittima di uno scoppio a causa di una fuga di gas in cui morirono 11 persone. Quel giorno viene ancora oggi ricordato come “la strage del quadrivio di Secondigliano”.

Da quel momento la zona è diventata una vera e propria discarica: sono stati ritrovati scarti edilizi, suppellettili, scarti di vernici e solventi, lastre di eternit, amianto e scarti industriali.

Si tratta di una bomba ecologica che, se venisse incendiata, causerebbe una catrastrofe ambientale e danni irreparabili.

L’operazione continuerà nei prossimi giorni e la Polizia Municipale ha già richiesto l’aiuto degli speleologi per constatare la gravità della situazione e la quantità di rifiuti presenti nella galleria.

Laura Barbato

Commenti

commenti