Il cardinale Crescenzio Sepe ha presentato gli eventi dedicati alla Festa di San Gennaro, patrono della città di Napoli. Nel corso dell’incontro è stata anticipata l’ultima lettera pastorale “Seppellire i morti”, che chiude il ciclo delle epistole diocesane di Sepe, raccolte in un’unica pubblicazione.

Nel salone della Curia, con i rappresentanti della stampa, c’erano il vicario alla Cultura, monsignor Adolfo Russo, i dirigenti di associazioni e della Deputazione di S. Gennaro.

Restrizioni in atto per le misure anti Covid non permetteranno a tutti di assistere alle varie manifestazioni diocesane. Anche la teca con il sangue del Patrono non potrà essere baciata dai fedeli. L’olio benedetto che arderà innanzi al Santo quest’anno verrà offerto dai medici napoletani.

Con alcune iniziative, tra cui mostre e concerti in Cattedrale, restano nel programma le Fiaccole della Fede (il 18 settembre) con gli atleti di società podistiche napoletane, che in numero ridotto porteranno fino in Cattedrale il segno di devozione al Santo, partendo da tre luoghi simbolo della vita del Vescovo Martire: le basiliche di Pozzuoli, Capodimonte, Vomero e la Corsa-passeggiata di S. Gennaro (il 27 settembre, ad invito), lungo un itinerario nel centro storico. Prevista inoltre una Virtual Run “Il Mondo corre per San Gennaro”; iscrizioni gratuite su www.sangennaroworld.com

Gli eventi sportivi sono curati dal CSI Napoli.

conferenza stampa festa di S. Gennaro

conferenza stampa festa di S. Gennaro

Commenti

commenti