Sarnataro: “Grandissima svolta per la nostra città: quel tratto di circumvallazione è diventato, infatti, il motore produttivo di Mugnano”

MUGNANO – Risultato storico dell’amministrazione Sarnataro, ottenuta la declassificazione della circumvallazione esterna da strada provinciale a strada urbana.
L’atto, che rappresenta una vera e propria pietra miliare per la città, votato in Consiglio comunale ha incassato il lasciapassare della Regione. Il tratto di strada interessata è quello che va dalla rotonda di Villaricca fino a qualche metro dopo l’Auchan.
“Con questo provvedimento – spiega l’assessore al ramo Maria Giovanna Di Maro – si vogliono porre le basi per avere un territorio uniforme e non diviso da percorsi di competenza non comunale, come è stato fino ad oggi. In questo modo, sebbene aumenteranno le incombenze e gli oneri per l’Ente, vogliamo favorire lo sviluppo delle attività produttive lì presenti e tutelare chi ha scelto di investire sul territorio”.
Entusiasta il sindaco Luigi Sarnataro: “Si tratta di una grandissima svolta per la nostra città: quel tratto di circumvallazione è diventato, infatti, il motore produttivo di Mugnano, grazie anche alla nostra politica attenta e puntuale verso lo sviluppo commerciale tramite una serie di incentivi fiscali. Inoltre è un primo passo per unire il centro di Mugnano con la sua parte più periferica, quella di via Madonna delle Grazie, via Mugnano Melito e via Mugnano Giugliano, i cui residenti si sono sempre sentiti tagliati fuori da una serie di servizi.
Nel prossimo programma di governo prevederemo l’installazione lungo via Pietro Nenni di semafori e attraversamenti pedonali, così che la strada possa collegare al meglio tutte le zone di Mugnano.
Mi preme ringraziare – conclude il primo cittadino – tutta la mia squadra di governo, i consiglieri comunali che hanno votato l’atto, il consigliere regionale Giovanni Chianese e, soprattutto, l’assessore Di Maro che ha seguito passo passo la questione portando a casa questo risultato fondamentale per Mugnano”.

Commenti

commenti