Aggiudicata la gara per il restyling. Previsti abbattimenti e dispositivi di sicurezza per i pedoni

Quindici tra le principali strade melitesi sono pronte ad un’opera di restyling. Il Comune di Melito ha infatti pubblicato la presa d’atto di aggiudicazione della gara da oltre 1,2 mln di euro che prevede la rigenerazione urbana e la riqualificazione dell’illuminazione pubblica. Si tratta di un progetto che mira a trasformare significativamente l’aspetto e le funzionalità di alcune delle principali strade melitesi, tra le più trafficate e – soprattutto – soggette a periodici interventi di manutenzione straordinaria.

Questa iniziativa, che si allinea alle normative vigenti in materia di illuminazione stradale e riqualificazione urbana, ha l’obiettivo di migliorare sia l’efficienza energetica che il decoro urbano, garantendo nel contempo risparmi significativi sulla bolletta energetica pubblica e sulla manutenzione degli impianti, con particolare attenzione alla sicurezza dei pedoni e alla creazione di spazi di parcheggio tramite l’abbattimento di opere abusive.

Nel progetto di miglioramento del decoro urbano con rifacimento della pavimentazione e degli spazi pedonali figurano Via Giulio Cesare, Via Enrico Fermi, Via Torre dei Garofani, Via Gandhi, Via Saragat, Via Lago Maggiore, Via delle Camelie, Corso Europa, Via delle Palme, Via Alessandro Volta, Via Matteotti, Via Casa Martino, Via Cristoforo Colombo, Via Aldo Moro e Via Virgilio.

Questi interventi prevedono il rifacimento della pavimentazione stradale e la sistemazione dei marciapiedi, con l’obiettivo di migliorare la viabilità e accrescere la sicurezza per pedoni e veicoli lungo le strade interessate, caratterizzate da contesti prevalentemente residenziali e commerciali. Ogni strada sarà soggetta a una serie di lavori che includono fresature della pavimentazione esistente, adeguamenti di pozzetti e caditoie, e la realizzazione di nuovi tappeti d’usura e marciapiedi in calcestruzzo, con particolare attenzione alla creazione di rampe per l’accesso di persone con disabilità, previsti inoltre – progetto alla mano – attraversamenti pedonali rialzati.

Parallelamente, il progetto prevede anche interventi mirati alla riqualificazione dell’illuminazione pubblica, con la sostituzione di circa 930 punti luce con tecnologie avanzate come LED e OLED. Questa scelta non solo mira a migliorare l’efficienza energetica e a rispettare le normative europee e nazionali sull’inquinamento luminoso, ma punta anche a creare un ambiente urbano più sicuro e sostenibile. L’introduzione di un sistema di “smart street” basato su lampioni intelligenti consentirà una gestione più efficiente dell’illuminazione pubblica, contribuendo ulteriormente alla riduzione dei costi e al miglioramento complessivo dell’infrastruttura urbana.

Inoltre, il progetto prevede l’abbattimento di opere abusive, come box auto non autorizzati, per favorire la creazione di nuove aree destinate a parcheggio pubblico, rispondendo così anche alle esigenze di mobilità e accessibilità della città. I lavori saranno organizzati per minimizzare i disagi per i residenti e si prevede che contribuiranno in modo tangibile al miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Non resta che attendere l’inizio dei lavori che – secondo cronoprogramma – dovrebbero concludersi entro un anno dal loro avvio. 

Commenti

commenti