Restrizioni – In previsione della seconda ondata Covid, il governo preannuncia nuove restrizioni

Al momento parrebbe escluso un nuovo lockdown, ma l’intento del governo italiano sarebbe quello di emanare un nuovo DPCM contenente restrizioni molto pesanti.

Si tratterebbe di una serie di norme e divieti di restrizione assoluti che dovrebbero avere il fine di contenere i contagi ed evitare chiusure totali e definitive.

Sono in corso, in queste ore, diverse riunioni tra i vertici della Protezione Civile, il ministro della salute Speranza, i rappresentanti delle regioni e i medici dell’istituto superiore di sanità proprio per cercare di trovare e organizzare un sistema che possa reggere alla seconda ondata del virus Covid 19.

Oltre alle restrizioni che prevederebbero chiusure parziali, su orari e turni, di ristoranti, bar, palestre, parrucchieri, centri estetici ed altre attività, ci sarebbe anche la ferma convinzione di voler effettuare 200000 tamponi molecolari al giorno e circa 100000 test rapidi antigenici.

Per quanto riguarda i ristoranti dovrebbe arrivare una stretta soprattutto per gli orari fissando il limite massimo di chiusura tra le 22 e le 23.

Per gli sport, invece, probabile stop per gli sport individuali per lasciare spazio agli sport di squadra iscritti a tornei e competizioni varie.

Stretta anche su parrucchieri, estetiste, sale bingo ritenute “attività non necessarie come beni primari”.
Investimenti mirati ed estesi sullo Smart working che dovrebbe coinvolgere circa il 75% dei lavoratori della pubblica amministrazione.

Marianna Di Donna

Commenti

commenti