Le associazioni balneari: “Proporremo nuove idee. Le spiagge non devono diventare carceri a cielo aperto. Se è davvero quello il progetto che si vuole portare a termine è difficile che vedremo il mare quest’anno”

Da giorni circola la notizia che gli stabilimenti balneari dovranno attrezzarsi con pannelli in plexiglass per distanziare i bagnanti e gestire gli ingressi attraverso le prenotazioni.

Sembra, però, che la prima misura di sicurezza non piaccia alle associazioni balneari che hanno categoricamente respinto l’ipotesi dichiarando che “non condividono le idee fantasiose e prive di confronto che circolano sui social. Si intende restituire ai bagnanti la possibilità di godere della costa in sicurezza ma senza trasformarla in un ospedale o carcere a cielo aperto. Per tali ragioni saranno proposte alla Regione nuove idee e non si apriranno gli stabilimenti finché non ci saranno tutti i comfort e sicurezze”. 

Luca Iannuzzi, proprietario del Nabilah, noto locale sul litorale flegreo, frequentato da giovani ma anche nota location per eventi e matrimoni, ha ribadito anche il periodo difficile che dovrà affrontare il settore del turismo campano appena si entrerà nella fase 2:“Sarà difficile organizzare cerimonie nel rispetto delle misure di contenimento. Bisognerà prevedere come gestire tutti gli ospiti, come organizzare il lavoro dei camerieri e degli addetti con ausilio di guanti in lattice, mascherine e sanificazione dei locali. Ci saranno tanti problemi da affrontare e risolvere”. Riguardo al progetto degli stabilimenti, Iannuzzi ha dichiarato: “Se è davvero quello il progetto che si vuole portare a termine è difficile che vedremo il mare quest’anno. Immaginate se ci dovesse essere una folata di vento o un temporale estivo, qualcuno potrebbe farsi male seriamente. Inoltre riguardo le autorizzazioni per le organizzazioni di eventi sembra che siano tutte slittate a marzo 2021 mentre bisognerà capire quali saranno le procedure per il rinnovo delle concessioni demaniali”, ha dichiarato Luca Iannuzzi.

 

Laura Barbato

Commenti

commenti