Il capobanda vantava aggiudicazioni di gare di appalto inesistenti

In seguito alle indagini partite nel febbraio 2015 e grazie alle ricostruzioni della Procura di Napoli Nord, sono 6 le persone arrestate per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa.

Gli indagati promettevano, in cambio di somme elevate di denaro tra i 5mila e 100mila euro, assunzioni presso le mense di vari ospedali pubblici e cliniche private della provincia di Caserta e Napoli.

Il capo della banda di truffatori sarebbe un 68enne di Lusciano che vantava aggiudicazioni di gare di appalto, risultate inesistenti, per la somministrazione del denaro.

Ad arrestare la banda sono stati i Carabinieri della stazione di Lusciano.

Laura Barbato

Commenti

commenti