Solo pochi giorni fa era stato pubblicato un elenco con i dati sensibili dei casi positivi

 

Bufera a Mondragone dove su un’ordinanza e sul web sono comparsi i nomi di 18 persone risultate positive al Covid-19: una vera e propria prova di violazione della privacy.

Sull’elenco risultavano tutti i dati sensibili (nome, cognome, indirizzo di residenza, data del tampone e il risultato) ma subito l’amministrazione è corsa ai ripari, anche se i dati erano ormai già stati visti da migliaia di persone sul web.

Pochi giorni fa, però, fu pubblicato un altro elenco, firmato da David Bonuglia, comandante della Polizia Locale di Mondragone con i dati sensibili di altre 43 persone.

Laura Barbato

Commenti

commenti