Il sito Archeologico di Pompei continua a stupire tutti

 

Gli archeologi addetti agli scavi di Pompei continuano a fare scoperte che, prima o poi, riusciranno a ricostruire la storia di quel periodo, il lontano 79 d.c. , epoca del grande Impero Romano.
Nell’area della villa suburbana di Civita Giuliana, dove si stanno concentrando i nuovi scavi è stato rinvenuto un un pilentum, un carro cerimoniale da parata a quattro ruote, riservato all’elite e rinvenuto quasi completamente integro, con i suoi elementi in ferro e le sue raffinate decorazione, a tema erotico, in bronzo e stagno.
Il ritrovamento, come rende noto il Parco Archeologico di Pompei, è avvenuto nel porticato della villa nella quale, nel 2018, erano stati ritrovati i resti di alcuni cavalli.
Si tratta di una scoperta unica, sottolineano ancora dagli Scavi, mai effettuata in Italia.

La contentezza, oltre per i cultori dell’arte, è stata manifestata anche da parte del ministro della Cultura Dario Franceschini:
“Pompei continua a stupire con le sue scoperte, e sarà così ancora per molti anni con venti ettari ancora da scavare” ha detto il ministro.
“È una scoperta di grande valore scientifico – ha proseguito Franceschini -. Un plauso e un ringraziamento al Parco Archeologico di Pompei, alla Procura di Torre Annunziata e ai Carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Culturale per la collaborazione che ha scongiurato che reperti così straordinari fossero trafugati e illecitamente immessi sul mercato”.

 

 

 

Teresa Barbato

Commenti

commenti