Che la pandemia fosse dilagante, ce n’eravamo accorti un pò tutti, ma quello che nessuno probabilmente si aspettava, era il collasso totale dell’economia.

Basti pensare che le stime parlano di – 40% sul ricavato di dolci pasquali e ben 6 miliardi in meno per quanto riguarda il fatturato del turismo.

Ciò ovviamente ha portato ad una speculazione per ciò che invece concerne le uova di cioccolato: è stato registrato un triplicamento dei prezzi delle stesse, in particolare sulla piattaforma Amazon, dove tali dolci vengono venduti a prezzi esorbitanti.

Pasqua solidale per i meno fortunati

Alla speculazione alcuni rispondono con la solidarietà:le consuete gite fuori porta o  pranzi delle feste, si sposteranno eccezionalmente, causa coronavirus, dentro le mura di casa, fa sapere la Coldiretti, che  si fa garante della tradizione a tavola con gli agricoltori di Campagna Amica. 

In tutta Italia verranno effettuate consegne a domicilio di prodotti tipici italiani.

Lo scopo è permettere a tutti una tavola di Pasqua apparecchiata a casa direttamente dai contadini nell’ambito della campagna #MangiaItaliano a difesa del Made in Italy e dell’economia italiana, non rinunciando ai prodotti tradizionali pasquali.

Teresa Bellanova, Ministra delle Politiche agricole Alimentari e Forestali, invita i cittadini con l’hashtag #iononrinuncioalletradizioni sul suo profilo Facebook, al consumo dei prodotti tipici quali le uova al cioccolato o le colombe.

Il tracollo economico e il PIL

Si è stimato che a causa di tutti i prodotti invenduti in tale periodo, il PIL segni un negativo di circa 8 miliardi.

Nonostante la crisi si faccia sentire, le industrie dolciarie tipicamente pasquali sono pronte comunque a produrre, sebbene con qualche remora.

 

Nazarena Cortese

Commenti

commenti