Ospedale del Mare in tilt per un’avaria termica, anche i condizionatori non funzionano

Continuano le problematiche legate ai servizi offerti dall’Ospedale del Mare di Ponticelli. Fin dall’apertura, infatti, questo ospedale non ha mai funzionato al pieno delle sue potenzialità ma ci sono stati sempre problemi legati a svariate motivazioni che, purtroppo, non hanno permesso di poter sfruttare appieno questo questa nuova struttura.
Questa volta a non funzionare sarebbero i condizionatori d’aria ma anche macchinari di precisione che continuamente andrebbero in tilt.

La questione dei condizionatori d’aria dell’ospedale del mare non è cosa nuova, infatti risulterebbe che questo guasto ai condizionatori sia presente hià da diversi mesi ma, purtroppo, non si capisce quale sia la motivazione per la quale non vengano aggiustati.

Sembrerebbe, inoltre, che a causa anche della aumento della temperatura, ci possa essere stata un’avaria termica che abbia praticamente mandato in tilt tutti gli strumenti sanitari tra cui molti macchinari di precisione.
Motivo per il quale, nel famoso nosocomio della zona orientale, pare sia scattato un “piano di emergenza” che prevede l’invio dei casi più urgenti verso il Loreto mare dove i laboratori sono funzionanti ed attivi.
Conseguenza di questa situazione sarebbe il fatto che all‘Ospedale del Mare risulterebbero bloccate le accettazioni di routine ma anche i ricoveri punto non sono esclusi neanche gli esami urgenti perché poiché i laboratori non sono attivi anche e si vengono dirottati abbia Marina presso i laboratori del Loreto mare.

Vero è che i dirigenti dell’Ospedale del Mare hanno praticamente messo a disposizione un mezzo di trasporto specifico che deve essere utilizzato proprio per il trasporto degli elementi degli esami urgenti. Grandissima è l’insoddisfazione da parte del bacino di utenza della zona orientale di Napoli perché, a fronte di un forte investimento come quello che ha rappresentato la realizzazione dell’Ospedale del Mare di Ponticelli, non ci sarebbe una diretta corrispondenza con le prestazioni che questo nosocomio potrebbe e dovrebbe offrire e garantire.

Stessa insoddisfazione anche per il personale medico, infermieristico e tecnico, purtroppo costretto a lavorare in condizioni difficili che potrebbero diventare un vero ostacolo visto l’aumentare delle temperature in questi giorni e per tutta la durata della stagione estiva.

Foto di repertorio

Marianna Di Donna

 

Commenti

commenti