La capolista Napoli rifila un poker ai granata e ribadisce che è una squadra ingiocabile

Il Napoli domina a Torino. Lo fa passeggiando, senza spingere, senza spremersi.
La potenza di questa squadra è incredibile.

Dà, probabilmente, la definitiva spallata al campionato, tenendo conto del KO del Milan a Udine e di Inter – Juventus di stasera.

È un Napoli epico, il più forte della sua storia, con buona pace di chi pensa il contrario. Momentaneo + 21 sulla seconda, ai quarti di Champions League. È una epopea da raccontare ai posteri.

La cronaca della gara ha poco da dire. Tranne che per una decina di minuti, dove il Torino si è reso pericoloso, il Napoli è parso di altra categoria. E lo è. Senza discussione alcuna.
In gol ci vanno Osimehn 2 volte di testa, kvara su rigore e Ndombele, messo a tu per tu col portiere avversario da un assist del georgiano.

Da notare e sottolineare la bellezza del pubblico fuori casa. Colorato, rispettoso, che non smette di cantare mai.

Ora ci sarà la sosta per le nazionali, dove sarà protagonista lo stadio Maradona, che ospiterà giovedì Italia – Inghilterra, valevole per le qualificazioni al campionato europeo.

Al rientro, il 10 aprile, inizierà la 20 giorni tra Napoli e Milan. 20 giorni indimenticabili, comunque vada. I 20 giorni più importanti della storia sportiva di questa città.

Vincenzo Barretta

Commenti

commenti