Il Napoli non si riprende più

Una gara, quella di Torino sponda granata, che valeva in caso di vittoria il -2 dal quarto posto si trasforma nel peggiore degli incubi per la società di Aurelio De Laurentiis. Il Napoli perde la partita per 3 reti a 0.

Svuotata, senza voglia, abbastanza irritante in quasi tutti gli uomini. Il nuovo acquisto Mazzocchi entra e dopo 4 minuti si becca il rosso diretto per una brutta entrata su un centrocampista del Torino. Non c’è nulla da salvare. Temiamo che nemmeno il tanto atteso mercato di gennaio possa almeno portare la barca nel porto sicuro.

Gli errori estivi si pagano. Certo nessuno, ma proprio nessuno, nemmeno il più pessimista, si sarebbe aspettato questo enorme e storico tonfo per un club scudettato.

Dividere le responsabilità è esercizio già troppo inflazionato. Oggi servono le soluzioni. Il presidente e lo staff tutto sono tenuti a prendere delle decisioni difficili ed importanti, visto che il tanto atteso cambio del tecnico (Garcia per Mazzarri) non solo non ha dato i frutti sperati, ma addirittura ha notevolmente peggiorato la situazione.

Il Napoli non solo rischia l’esclusione dall’Europa dopo più di 10 anni, ma qualcosa in più. Vedersi vituperato il patrimonio tecnico, calciatori che vogliono scappare, nuovi acquisti non integrati nemmeno un pó e chi più ne ha più ne metta.

Una situazione simile avvenne nell’anno di Gattuso. In quel caso ci fu un importante girone di ritorno condito da una marcia che solo per colpa dell’ultima partita non vide il Napoli andare in champions league (la famosa Napoli Verona). Vedremo cosa accadrà. La sensazione però è che questo Napoli, a differenza di quello, sia distante anni luce. Non si vedono spiragli, non si intravedono strade. Il momento più complicato di tutta la gestione De Laurentiis. Vedremo se ne usciremo fuori indenne oppure dovremo pagare prezzi salatissimi.

Il prossimo turno il derby campano tra Napoli e salernitana deve essere un punto di ripartenza. Sempre se questi ragazzi ne abbiano la forza. Oggi è complicatissimo auspicarlo. Troppo, troppo complicato.

La cronaca della gara ha poco da dire. Gol di Sanabria, Vlasic e Buongiorno di testa da angolo. Un primo tempo giocato male ed un secondo pure peggio. La gara però è tecnicamente finita sul rosso a Mazzocchi. Il Napoli in quel momento ha mollato. Ed è il problema più grosso, questo.

Vincenzo Barretta

Commenti

commenti