Dopo la terribile mareggiata avvenuta lunedì sera, che oltre ad aver causato diversi danni ai ristoranti presenti sul lungomare di Via Caracciolo e distrutto il muretto storico, alcuni ragazzi hanno deciso di ripulire il lido “Mappatella” dalla grossa quantità di rifiuti.

Il mare ha portato a riva diversi contenitori di plastica, scarpe, palloni.

I ragazzi armati di tutto il necessario per ripulire il lido  animati dall’amore per la loro città.

Un’azione spontanea nata da un tam-tam sui social network a cui hanno aderito diverse associazioni cittadine: Round table Napoli, Retake Napoli e N sea yet.

Come dichiarato da Valerio Di Pietro di Round Table Napoli:

“Voleva essere un’azione più strutturata ma a causa del fatto che ci troviamo in zona arancione e delle condizioni meteo instabili, non abbiamo potuto organizzare un evento vero e proprio. Ci siamo radunati, però, spontaneamente. Ho sentito al mattino presto Dario Catania di N sea yet e ci siamo detti ‘Se il tempo è buono, andiamo a dare una pulita’. Lui poi mi ha avvertito che ci sarebbero stati anche i ragazzi di Retake. Ieri avevamo scritto sui social dei rifiuti che il mare aveva riportato sulle spiagge ed in tanti si erano spontaneamente resi disponibili a dare una mano per ripulirle. È stato tutto molto spontaneo e veicolato rapidamente tramite i social e con l’adesione spontanea dei passanti.

Oggi è stato bellissimo, perché c’è stata una grande sinergia.

Il risultato? Oggi la spiaggia di lido Mappatella è stata ripulita, purtroppo a causa delle piogge che hanno interessato la tarda mattinata di questo mercoledì, il gruppo di volontari non è riuscito a sgomberare totalmente il litorale. Ma è già in calendario un prossimo appuntamento per completare la pulizia, che dovrebbe essere per i primi di gennaio.”

(foto presa dal web)

Teresa Barbato

 

 

Commenti

commenti