Un’app innovativa che dovrà evitare il sovraffollamento negli ospedali

L’istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli si contraddistingue per l’avanguardia delle tecnologie in uso e lancia una innovazione senza precedenti.

Si tratta di un’app creata per “assistere” i pazienti direttamente a casa soprattutto per evitare il sovraffollamento delle strutture ospedaliere in emergenza covid.

Questa App è già in uso e riguarda, per adesso, principalmente i pazienti cronici, stomizzati, incontinenti e ricanalizzati che, certamente, dopo degli interventi, hanno bisogno di assistenza continua e non possono recarsi in ospedale anche per una questione di sicurezza vista la loro maggiore fragilità.

Il progetto della realizzazione di una App fu battezzato ad inizio anno dallo stesso viceministro Sileri, in un tempo, quello, in cui ancora non era conosciuto l’arrivo del virus e la conseguenza pandemica.

Il direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi si dice orgoglioso di questa innovazione che unisce la professionalità di stimati dottori alla tecnologia più avanzata col fine unico di aiutare chi ha bisogno di essere assistito.

Compito dei pazienti è principalmente quello di registrarsi sulla piattaforma all’interno dell’App, inserendo i propri dati anagrafici ma anche i diversi parametri vitali richiesti in base alla patologia.

I dottori, da remoto, potranno gestire le cure necessarie restando connessi con i rispettivi pazienti anche in modalità smart working.

Marianna Di Donna

Commenti

commenti