Tragedia sfiorata al centro Direzionale per una fuga di gas

Nella giornata di ieri si è temuto il peggio in un appartamento del Centro Direzionale di Napoli, dopo che diverse persone avevano avvertito un forte e persistente odore di gas.

Le guardie giurate di controllo sarebbero, dapprima, intervenuti in un appartamento nelle vicinanze delle prime due torri, dopo che diverse persone vi si erano allontanate a causa di un forte odore di gas per aria.

In effetti le guardie avrebbero subito mappato l’edificio riuscendo a risalire all’appartamento interessato: all’interno di esso vi erano delle persone ormai assuefatte dal gas e, per questo, non ne percepivano più l’odore né tantomeno la pericolosità.

I vigili avrebbero prontamente concluso l’intervento chiudendo le chiavette del gas e tenendo aperte tutte le finestre dell’appartamento in questione.

Contemporaneamente sarebbero arrivati i vigili del fuoco che hanno controllato da dove potesse provenire la fuga e, una volta accertato che provenisse dal piano cottura, avrebbero sigillato l’elettrodomestico raccomandando di non utilizzarlo e sostituirlo se difettoso.

Verso le 21.00, però, sarebbe arrivata ai vigili una seconda chiamata, sempre dallo stesso appartamento, da parte di un uomo che diceva di continuare ad avvertire presenza di gas in casa.

L’intervento, eseguito in collaborazione con la Polizia, si sarebbe concluso con la chiusura definitiva della condotta di gas probabilmente guasta.

Foto di repertorio

Marianna Di Donna

Commenti

commenti