Scoperti due opifici a Melito che producevano profumi falsi

Operazione dei “Baschi verdi” del Gruppo Pronto Impiego di Napoli ha portato alla scoperta di due box auto adibiti a laboratori di produzione di diverso materiale contraffatto.

All’interno di questi due laboratori venivano prodotti centinaia e centinaia di profumi contraffatti privi di qualsiasi autorizzazione sanitaria.

Il sequestro è davvero ingente: sarebbero 3100 i flaconi di profumi di indubbia qualità riportanti i marchi delle più importanti griffe nazionali ed internazionali. Sequestrate anche 115 mila etichette con i marchi “Dior”, “Creed”, “Burberry”, “Armani”, “Hugo Boss”.

Denunciate le persone all’interno degli opifici truffaldini, sono una persona di Napoli e due di Melito con l’accusa di contraffazione e violazione delle più elementari norme igienico sanitarie: profumi senza una benché minima autorizzazione, infatti, potrebbero causare a chi lo utilizza lo svilupparsi di allergie pericolosissime.

Ingente anche il danno economico per questi contraffattori: la vicina festa degli innamorati aveva fatto incrementare la produzione e i ricavi erano stimati in circa 100 mila euro.

Foto dal web

Marianna Di Donna

Commenti

commenti