Regole anti-covid non rispettate, controlli zero e rischio chiusura per le attività dei mercati rionali

I mercati rionali sono luoghi di assembramento per natura e per eccellenza.

In essi, infatti, non esistono norme che tutelano le persone, trattandosi, per lo più, di spazi all’aperto.

A seguito delle nuove ordinanze che prevedono l’utilizzo della mascherina anche all’aperto, la situazione dei mercatini è diventata più seria.

In questi luoghi, infatti, sembrerebbe alquanto impossibile garantire il distanziamento previsto dai protocolli.

Le bancarelle sarebbero posizionate secondo degli schemi prestabiliti da chi organizza l’area mercatale, ma garantire il distanziamento tra chi si accalca presso di queste sembra un’operazione ardua e piuttosto impossibile.

Stessa situazione per i tanti bus abusivi che offrono servizi in queste aree, all’interno di questi non esisterebbero regole di protezione.

Le denunce arrivano da diverse associazioni dei consumatori, soprattutto dell’area mercatale di Secondigliano, Scampia e San Pietro a Patierno, che lamentano la scarsezza dei controlli che, oggi più che mai, dovrebbero prevedere interventi straordinari oltre a quelli ordinari.

La crescita dei contagi degli ultimi giorni, inoltre, sembrerebbe aver già prodotto un calo delle presenze e conseguentemente anche delle vendite, generando preoccupazione tra i tanti addetti ai lavori.

Marianna Di Donna

Commenti

commenti