Il litorale tra Giugliano e Castel Volturno svenduto dalla Regione in un’asta pubblica

Sta suscitando molto scalpore la notizia della vendita, o meglio della svendita, dell’area comprendente la pineta di Varcaturo e la vecchia foce del Lago Patria.

Di mezzo ci sarebbe un’ asta indetta dalla Regione Campania lo scorso aprile.

L’area in questione è un area demaniale comprendente un terreno di oltre 300.000 metri quadrati all’interno dei quali si trova anche il Parco degli Uccelli, una casa di 88 metri quadrati,  una struttura adibita a deposito di circa 175 metri quadrati,  comprensiva, inoltre, di  tutto il litorale antistante,  quindi la spiaggia del tratto tra Varcaturo e Castel Volturno.

Sembrerebbe, però, che a questa asta si sia presentata un’unica persona titolare, tra l’altro,  di una struttura all’interno di questa area stessa,  che sembrerebbe intenzionata a  concludere l’acquisto per una cifra che si aggirerebbe intorno ai 320.000 €.

Grandissima indignazione è arrivata dagli uffici del comune di Giugliano, area che si trova su questo territorio che, per diritto di prelazione, avrebbe dovuto essere interpellato sul tema.

Sembrerebbe, invece, che così non sia stato ed ecco che l’amministrazione comunale pare abbia deciso di intraprendere un iter giudiziario per bloccare l’acquisizione della proprietà da parte di questa unica persona presentatasi all’asta.

L’intera amministrazione comunale di Giugliano fa sapere attraverso il Consigliere comunale Luigi Guarino che  “questa iniziativa imprenditoriale privata,  non rappresenta certo il modo giusto di agire in quanto si tratterebbe di una politica sbagliata da parte della regione del presidente De Luca e dei suoi dirigenti“.

L’ intera giunta comunale si direbbe, quindi, aperta ad una guerra contro la Regione e i suoi amministratori partendo in primis dai chiarimenti sull’indizione di questa asta senza aver prima garantito al comune il diritto di prelazione.

Anche il Consigliere regionale dei Verdi,  Francesco Emilio Borrelli, ha presentato un’interrogazione alla Regione in merito a questa vicenda chiedendo delucidazioni riguardo quest’ asta pubblica per la dismissione della pineta ed altri cespiti siti a Giugliano in Campania alla via del Bosco.

Nella sua interrogazione,  il Consigliere regionale Borrelli sottolinea che l’intero cespite è area potenzialmente funzionale ai programmi di valorizzazione ambientale e turistica del litorale Domizio avviati dalla stessa Regione, dall’area metropolitana di Napoli e dal comune di Giugliano in Campania.

Per quella che si preannuncia come una battaglia, si chiede la sospensione ad horas in attesa di puntuali verifiche circa le procedure per la dismissione della pineta e degli altri cespiti oggetto di asta pubblica ed, inoltre,  si chiede se siano state formalmente rispettate tutte quelle procedure di indizione di un’asta pubblica ed in particolare se sia stata data una formale comunicazione dell’ indizione di questa gara al Comune di Giugliano, soggetto titolare del diritto di prelazione.

Foto dal web
Marianna Di Donna

Commenti

commenti