Identificate le due vittime dell’incidente di Marano: sono entrambi di Sant’Antimo

Le indagini sono andate avanti per tutta la notte per cercare di stabilire quale fosse l’ipotesi più plausibile per quella che inizialmente era sembrata la scena di un terribile incidente stradale con esito mortale.

E invece, pare che questa ipotesi sia stata messa da parte anche a seguito dell’identificazione dei due soggetti trovati esanimi sull’asfalto.

Si tratta di Ciro Chirollo, 30 anni e Domenico Romano, 40 anni, entrambi residenti a Sant’Antimo ed entrambi pregiudicati. Ciro Chirollo è il figlio di un pregiudicato di Sant’Antimo ucciso nel 2009.

Resta, quindi, quasi accertata l’ipotesi di una rapina finita male perché, oltre all’identificazione dei cadaveri, si è risaliti anche all’identità del conducente dalla Smart allontanatosi dalla scena dell’evento. Giuseppe Greco, 26 anni, incensurato, presentatosi spontaneamente in caserma nel cuore della notte, in queste ore è ascoltato dagli inquirenti per ricostruire la dinamica del sinistro.

Con molta probabilità e alla luce del fatto che sull’asfalto sono stati trovati un Rolex, una pistola e diversi bossoli esplosi, la dinamica prenderebbe questa strada: Giuseppe Greco avrebbe reagito alla rapina dell’orologio inseguendo a folle velocità lo scooter con a bordo i malviventi, una volta raggiunti li avrebbe speronati finendo per provocare la loro caduta. I corpi dei due malviventi sarebbero stati sbalzati per aria finendo sull’asfalto. I due, senza casco e con un passamontagna, avrebbero impattato così violentemente da perdere la vita sul colpo.

All’arrivo dei sanitari, infatti, i due pregiudicati erano già deceduti. Giuseppe Greco, invece, si era allontanato dalla scena del crimine probabilmente sotto shock per quanto fosse accaduto.

Al momento questa sembrerebbe l’ipotesi più accreditata, ma, escludendo quella dell’incidente stradale, altre ipotesi resterebbero ancora in piedi e al vaglio degli inquirenti.

Pochi giorni fa, sulla sua pagina Facebook, una delle vittime scriveva “Folle è colui che non ha mai smesso di lottare. Nonostante i problemi, i momenti bui e le delusioni della vita, perché alla resa ha preferito la battaglia”.

Foto dal web

Marianna Di Donna

 

 

Commenti

commenti