Coinvolti anche un uomo e una donna di Melito per il ricatto hard al giovane

La procura di Avellino ha ordinato l’arresto di tre persone, un uomo e una donna di Melito e un 34enne di Taranto con le accuse di tentata estorsione.

Pare che i tre soggetti avessero adescato il giovane di Avellino attraverso un messaggio pubblicitario “a luci rosse” sul web.

Si trattava, infatti, di un annuncio di una donna che praticava a pagamento prestazioni sessuali.

Una volta avvenuto il contatto, il ragazzo si sarebbe intrattenuto in una videochiamata whatsapp con la donna.

A quel punto è scattata la truffa: sarebbero entrati in scena i due uomini che, dietro minaccia di divulgazione del video sui più popolari social network, avrebbero chiesto una cospicua somma di denaro da versare direttamente su una Postepay.

Il ragazzo, però, non è caduto in trappola ed ha subito denunciato quanto gli stesse accadendo.

I carabinieri della stazione di Montefalcione, avviate le indagini, hanno rintracciato sia la SIM telefonica che la Postepay e sono così risaliti all’abitazione nella quale risiedevano i malintenzionati.

Marianna Di Donna

Commenti

commenti