Cenavano in 8 in una braceria a Casandrino, denunciati

I carabinieri della sezione radio mobile di Giugliano hanno scoperto l’ennesima attività abusiva contraria alle norme anti covid predisposte dalla zona rossa.

Questa volta è toccato ad una braceria ristorante di Casandrino, regolarmente aperta per consentire la sola attività di asporto, ma che al suo interno ospitava ben 8 persone intente a cenare ad un tavolo.

Il titolare della struttura si sarebbe giustificato dicendo che i commensali fossero suoi parenti e che lui stesso fosse seduto al tavolo per la cena ma evidentemente ciò non è bastato a sanzionare tutti e a scongiurare la chiusura della struttura come da norme previste.

Sì, perché in zona rossa vige il divieto assoluto di ospitare nelle strutture di ristorazione, bar, locali ed altro, tutte quelle persone che volessero accomodarsi per consumare un pasto oppure un semplice caffè stazionando nel locale stesso.

Per questo motivo, i controlli sul territorio sono serratissimi e continuano senza sosta soprattutto in questi giorni di festa.

In questi giorni, infatti, le multe e le chiusure verso strutture non rispettose del decreto, ha riguardato tantissime attività che, seppur al collasso per motivi economici, dovrebbero scrupolosamente adattarsi alla normativa, per cercare di non incorrere in ulteriori e ben più dannose sanzioni.

Foto di repertorio

Marianna Di Donna

 

Commenti

commenti