E’ stata l’analisi balistica ad essere determinante

 

 

La Procura di Napoli ha chiesto l’archiviazione del caso “omicidio Luigi Caiafa”; difatti, secondo i pm Claudia Basso e Valentina Sincero, l’uso delle armi da parte dell’ispettore di polizia, durante la rapina che Caiafa insieme ad un amico aveva messo in atto, sarebbe stato lecito.

La decisione deriverebbe dall’analisi non solo dei testimoni, ossia i colleghi dell’ispettore e le vittime della rapina, ma anche dall’indagine balistica effettuata.

Caiafa, insieme ad un complice, la notte del 4 ottobre scorso, aveva affiancato una mercedes, mentre entrambi erano a bordo di uno scooter, per rapinare coloro che erano a bordo della vettura.

Subito l’automobile dei poliziotti aveva notato l’illecito e aveva tentato di fermare i due ragazzi, ma nonostante ciò loro avevano continuato, fin quando, l’ispettore non ha sparato e ha colpito mortalmente Caiafa.

pistola

pistola

Commenti

commenti