La comunità melitese è stata colpita dalla morte di  Ciro Gagliardo.
Il giovane è deceduto a 33 anni a causa di un brutto cancro al colon che non gli ha lasciato scampo.
Era un infermiere appassionato, lavorava all’ospedale Mondaldi di Napoli con la sua compagna. Una passione tramandata dal padre che era caposala del reparto di Cardiologia del Cardarelli. A riportare la notizia è stato lo zio Marcello Curzio, attivista melitese, attraverso un lungo post sui social.
Ciro aveva provato a combattere il male in ogni modo, era anche stato ricoverato in un centro oncologico all’avanguardia di Pordenone, dove era stato sottoposto a due delicati interventi, ma purtroppo a nulla sono valsi gli sforzi.
La notizia della sua morte ha sconvolto la comunità di Melito, in tanti hanno voluto ricordare il ragazzo esprimendo parole di dolore per la sua scomparsa.

“Caro angelo mio oggi ci hai lasciato, lasciando un vuoto incolmabile quasi insopportabile.
Sappi che ti porterò sempre con me, nel mio cuore e nonostante sei volato via non ti lascerò mai.
Non ti dimenticherò mai,la tua splendida voce,il tuo dolce modo di essere,ma sopratutto quello che nessuno di noi potrà dimenticare sarà il tuo sorriso…dolce,pieno di progetti e speranze che purtroppo non potrai portare più a termine.
Hai lasciato un vuoto dentro me,dentro noi che non potrà mai sanarsi ma solo affievolirsi col passare del tempo.
Eri un ragazzo speciale e sono sicura che lo sarai anche lassù…
Ciao Ciro!”.
La redazione di Melitonline si stringe attorno alla sua famiglia.

Commenti

commenti