Melito di Napoli 6 agosto 2020 – “Adesso è ufficiale, Antonio Amente è in Fratelli d’Italia, notizia che non mi sorprende, anzi conferma che la mia lungimiranza politica ancora una volta mi ha dato ragione visto che il mio addio al partito c’è stato proprio perchè non volevo l’ingresso del sindaco di Melito all’interno del partito stesso”. È quanto afferma Vincenzo Stravolo ex Commissario cittadino di FdI – Melito.
“All’inizio della mia battaglia per evitare l’ingresso di Antonio Amente in FdI ero da solo, la maggior parte dei dirigenti provinciali mi aveva ignorato. Qualcuno ha fatto pure finta di interessarsi al problema, ma mai apertamente mettendoci la faccia come ho sempre fatto io.
Poi lo scorso 25 giugno durante la riunione provinciale di Fratelli d’Italia Napoli alla presenza di tutti i dirigenti regionali e provinciali nonchè degli On.Del Mastro, Cirielli e al Senatore Iannone preannunciai le mie dimissioni dal partito se nello stesso ci fosse stato l’ingresso del sindaco di Melito Antonio Amente. A questo mio annuncio l’On. Cirielli mi rispose: “noi non siamo il partito dei veti, ma siamo il partito dei voti, e comunque noi stiamo candidando il figlio Cosimo, il padre non c’entra”. Ma la conferenza stampa di stamattina dell’On. Del Mastro unitamente al capogruppo alla Camera di Fdi, Francesco Lollobrigida per annunciare nuovi ingressi in FdI tra cui quello di Antonio Amente smentiscono quanto mi disse l’On Cirielli.
Ma dopo l’assurda risposta dell’On.Cirielli non potevo che andare via subito dal partito, anche se non c’era ancora l’ufficialità dell’ingresso di Antonio Amente.
Io non ho mai creduto in un “miracolo”, ovvero di un ripensamento del partito e come molti pseduo dirigenti hanno detto fino a qualche giorno fa per farmi tornare sulla mia decisione”.

Commenti

commenti