"/>

Melito. Strade sommerse dai rifiuti, la colpa degli incivili, ma a pagare sono tutti

La Buttol “Non è assolutamente in atto alcuno sciopero, ci stiamo attenendo al calendario di riferimento”

Ormai da giorni le strade di Melito sono sommerse dai rifiuti e in molti se ne sono chiesti le ragioni: alcuni hanno pensato ad uno sciopero, e invece no, la causa è da ricercare all’inciviltà dei cittadini che gettano i rifiuti a qualsiasi ora del giorno e non rispettano il calendario di conferimento.

La Buttol, l’impresa che si occupa della raccolta dei rifiuti, ha però dichiarato che non è assolutamente in atto alcuno sciopero ma semplicemente si sta rispettando il calendario di riferimento, che tutti dovrebbero conoscere o, almeno, visionare, in forma di protesta per cercare di farlo prendere in considerazione dai cittadini.

La storia è iniziata tempo fa quando fu chiesto all’azienda di prelevare i rifiuti indipendentemente dal calendario, cosa che ha previsto un innalzamento dei costi del servizio, ma che ovviamente è un danno per l’ambiente, di fatti l’impresa ha deciso di andare contro questa scelta e attenersi ai patti precedentemente stabiliti. A Melito regna, però, l’inciviltà, si butta qualsiasi cosa tutti i giorni e il Comune non effettua controlli, che vengono presieduti, per questo motivo, dalle Guardie Ambientali della stessa azienda. La pecca è che, però, non hanno potere sanzionatorio, di cui sono in attesa. Per migliore la situazione, come dichiarato da un addetto ai lavori Buttol: “il Comune dovrebbe iniziare ad andargli incontro, in primis afferendogli più potere e in secundis effettuando maggiori controlli, con annesse multe”.

Per evitare ulteriori disastri ambientali sono già in programma alcune attività di sensibilizzazione che devono solo essere approvate e messe in atto.

La Buttol ci tiene infine a precisare che, “senza l’aiuto del Comune e il rispetto dell’ambiente, la situazione non può che peggiorare e andare contro la salute e il benessere dei cittadini stessi”.

Teresa Barbato

Commenti

commenti