Dopo appena un mese dall’annuncio sulla pagina social del liceo stesso, non ci sarà più l’inaugurazione del nuovo indirizzo per l’anno scolastico 2019/2020

La regione Campania ha revocato al liceo Immanuel Kant di Melito la richiesta di istituire l’indirizzo Artistico design per il nuovo anno scolastico 2019/2020 per possibili incongruenze burocratiche dovute alla vicinanza con degli istituti similari del circondario.

Il plesso, negli anni passati, grazie alla grande affluenza e alle richieste degli studenti melitesi e non, è riuscito ad ottenere oltre all’indirizzo scientifico, con cui è nato il liceo, anche quello linguistico, considerato il fiore all’occhiello dell’ istituto, e delle Scienze umane.

I nuovi indirizzi, nel passato, avevano però destato da subito diverse polemiche a causa della mancanza di spazi e dei servizi necessari per poter svolgere al meglio tutte le attività che una scuola richiede, infatti gli alunni si sono visti più volte, negli anni scorsi, sottrarre giornate di scuola a causa di rotazione curricolari ed extra. Nonostante questi problemi, che sono stati risolti con l’aggiunta della succursale e, si parla, che in un futuro prossimo, di una eventuale cessione dell’Istituto della Sibilla Aleramo, ora scuola media statale, che ad oggi conta pochi alunni.

La revoca del nuovo indirizzo artistico ha rappresentato una “secchiata d’acqua gelata” che però non ha fatto perdere le speranze della preside, Teresa Davide, che non demorde e ha prontamente affermato che: “lei e il suo team provvederanno a rimediare quanto prima, poiché il liceo è quello che è oggi grazie al grande lavoro e alla sinergia di chi ci ha lavorato e ci lavora, alla fiducia dei genitori e degli alunni che hanno collaborato, tutti indistintamente, alla sua crescita e farlo diventare un fiore all’occhiello della nostra comunità e non solo”.

Teresa Barbato

Commenti

commenti