Al via una nuova fase dei lavori, ma aumentano i disagi per automobilisti e commercianti tra Melito, Giugliano e Sant’Antimo

Con l’inizio del nuovo anno, il cantiere del collettore Eav in zona Colonne raddoppia. Da questa mattina, infatti, i lavori dell’Ente Autonomo del Volturno hanno coinvolto – come previsto dal cronoprogramma – anche via Appia aumentando, però, anche i disagi per commercianti, pendolari e residenti. 

L’area di cantiere che dal marzo del 2022 ha praticamente paralizzato il cruciale snodo viario tra Melito, Giugliano e Sant’Antimo, da questa mattina si è ampliata coinvolgendo un breve tratto di strada che dall’incrocio porta in direzione Aversa. Al momento, fortunatamente, la circolazione è però solo deviata nell’area di parcheggio dell’adiacente centro commerciale, ma nei prossimi mesi, inevitabilmente, aumenteranno i disagi per chi quotidianamente utilizza la fondamentale via di collegamento tra l’aversano e l’area napoletana. 

L’apertura della nuova area di cantiere è stata accolta con non poca preoccupazione da parte dei commercianti della zona. “Ci avevano assicurato che i lavori sarebbero durati pochi mesi ma dopo quasi due anni non riusciamo a vederne la fine”, ha affermato un esercente della zona. “Stiamo finendo soldi e pazienza” ha affermato il titolare di un’attività commerciale. 

Il cronoprogramma di De Gregorio

“Obiettivo condiviso da tutte le istituzioni è quello di chiudere il prima possibile le lavorazioni più impattanti sulla via Colonne per poi approdare su via Appia, per evitare la sovrapposizione di disagi sulle due arterie fondamentali per la viabilità”. Lo affermò lo scorso novembre il presidente di Eav, Umberto De Gregorio. Ad oggi però, l’approdo su via Appia non è andato di pari passo con la chiusura degli altri cantieri. L’auspicio è che i lavori possano proseguire ora in maniera più spedita verso la conclusione e il ritorno alla normalità. 

Commenti

commenti