Spopola il video dei festeggiamenti negli spogliatoi dopo la vittoria con il Qualiano, ma la carica ‘suonata’ da capitan Sbrescia prima del match è da brividi

Il Melito vince sul campo e sui social. E’ una stagione indimenticabile per i colori del Melito Calcio che domenica scorsa, sul campo del centro sportivo NESS di Giugliano, ha conquistato la vittoria contro i padroni di casa del Qualiano aggiudicandosi il match ai tempi supplementari. Partita tesa e ferma sul pari fino al 90esimo. A sbloccare il risultato, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ci ha pensato Luigi Fusco che al 112imo ha colpito di testa in area per la rete del definitivo 0-1 che manda il Melito in finalissima per la Promozione.

Tanta la soddisfazione della squadra che, mai come quest’anno, si sta regalando e sta regalando grandi gioie. Una gioia incontenibile che però è figlia di un lungo campionato vissuto con entusiasmo e voglia di stare insieme dopo l’inizio shock delle prime tre giornate terminate a zero punti in classifica. Un avvio che avrebbe scoraggiato chiunque ma non è andata così per gli uomini di mister Pelliccia.

E’ proprio dopo l’avvio thriller che ha avuto inizio lo sketch che in queste ore sta facendo il giro del web. La scena, più o meno è sempre la stessa: bomber Coppeta entra negli spogliatoi, arrabbiato e deluso per l'”ennesimo” risultato amaro per i colori del Melito, poi la ramanzina, i richiami ai compagni di squadra che ascoltano in silenzio e amareggiati dopo “un altro risultato da dimenticare”, infine scoppia la gioia per quella che in realtà è stata l’ennesima vittoria di un gruppo che ama stare insieme e che col tempo è diventato meccanismo ben oleato: una squadra! Emblematico, a proposito, il video del discorso pre partita di Capitan Sbrescia: carica e brividi nelle sue parole. 


Il Melito vince anche sui social ora che il ‘classico’ video di Coppeta è finito su Rompipallone.it, migliaia (al momento) le visualizzazioni per una squadra che merita l’attenzione e il plauso di chi ama il calcio, non solo per gli “sfoghi” del bomber, ma per quello che sta dimostrando domenica dopo domenica sul rettangolo di gioco. 

Nicola Marrone

Commenti

commenti