Una classifica annovera il liceo linguistico Immanuel Kant di Melito tra i migliori d’Italia

La Fondazione Agnelli, ogni anno, attraverso il programma Educoscopio, stila una classifica dei migliori Istituti d’istruzione italiani.

Eduscopio è un progetto il cui obiettivo è quello di offrire a studenti e famiglie informazioni semplici e comparabili su come gli istituti tecnici e professionali – statali e paritari – preparano i propri studenti per il mondo del lavoro.

In sostanza l’idea di fondo del progetto eduscopio.it è proprio quella di valutare gli esiti successivi della formazione secondaria attraverso i risultati universitari e lavorativi dei diplomati, con il fine ultimo di trarne delle indicazioni di qualità sull’offerta formativa delle scuole da cui essi provengono.

Per fare ciò, l’Istituto che si occupa di elaborare il progetto acquisisce tutti i dati amministrativi relativi alle carriere universitarie e lavorative dei singoli diplomati raccolti proprio dai Ministeri competenti.

Gli indicatori di valutazione, invece, vengono ricercati tra gli esami sostenuti, i vari crediti acquisiti nel corso della carriera scolastica, i voti ottenuti dagli studenti iscritti al primo anno di università. Anno, quest’ultimo, che viene considerato di fondamentale importanza perché risulterebbe essere quello maggiormente influenzato dal lavoro fatto durante gli anni della scuola secondaria.

Di conseguenza questi indicatori vanno a d esaltare proprio la qualità delle “basi” di un alunno, la funzionalità di un buon  metodo di studio e l’utilità dei suggerimenti orientativi acquisiti nelle varie scuole di provenienza.

Ma Educoscopio non si occupa solo del percorso universitario degli alunni, ma riflette anche sul percorso lavorativo intrapreso dopo gli studi, anche semplicemente dopo aver acquisito il diploma superiore.

In questo caso il focus va a controllare proprio il mondo del lavoro: se gli alunni hanno trovato un’occupazione, quanto rapidamente hanno ottenuto un contratto di durata significativa, se il lavoro ottenuto è coerente con gli studi compiuti o se invece è un lavoro qualsiasi.

Quest’anno il lavoro di Educoscopio ha analizzato i dati di 1.267.000 diplomati italiani provenienti da circa 7.500 scuole nei tre anni scolastici 2015/2016, 2016/2017, 2017/2018.

Nella città di Napoli, quest’anno, risultano confermati gli istituti “storici”, tra classico e scientifico, come il Sannazaro e il Convitto Vittorio Emanuele II.

Per quanto concerne l’indice di occupazione, dopo il diploma vince il Pagano-Bernini poi il Modigliani e infine i Salesiani.

Ottima posizione anche per l’Istituto Tecnico “Galileo Ferraris” di Scampia, che si posiziona al quinto posto con il 30% dei diplomati in regola, il 39% di alunni che hanno trovato lavoro congruente con gli studi nei due anni successivi al diploma.

Presente nella classifica delle migliori scuole d’Italia anche il liceo linguistico-scientifico “Immanuel Kant”, di Melito di Napoli dove il 54,1% degli alunni si diploma in regola, che fa registrare un indice del 64% nella media tra voti ottenuti e crediti oltre ad una percentuale del 66% di alunni che, a seguito del diploma, si accreditano all’università e superano il primo anno.

Foto dal web

Marianna Di Donna

Commenti

commenti