La scoperta nel corso di un blitz della polizia municipale nella fatiscente struttura, da anni fuori uso; durante altri controlli sul territorio fermato e sequestrato un camion pieno di rifiuti speciali

Un automezzo adibito a trasporto di rifiuti speciali è stato sequestrato dalla polizia municipale di Melito, a poca distanza dal cimitero. Contravvenzionato l’autista con oltre tremila euro di ammenda. L’operazione è avvenuta nel corso di controlli per contrastare lo scarico selvaggio di spazzatura di ogni tipo sul territorio. Durante le ispezioni nelle zone già sotto osservazione, i poliziotti municipali con la responsabile Maria Rita Papa  hanno fatto irruzione in una struttura comunale fuori uso da anni, rinvenendo ingenti quantità di rifiuti sversati in ogni angolo della costruzione, ubicata nei pressi della rotonda lungo la via che da Melito conduce a Mugnano. 

Nella palazzina, a lungo depredata e vandalizzata, negli anni ’70 era in funzione il macello comunale e successivamente la postazione del 118, dopo accordi tra il Comune e l’Asl Napoli 2 nord. Le ambulanze e il personale di servizio nel comprensorio a nord di Napoli furono successivamente allontanati, per decisione dell’allora amministrazione municipale.

Da quel momento la vasta area e l’annesso stabile, rimasti disabitati e senza controllo, sarebbero stati trasformati in discarica con azioni vandaliche. Ignoti, riuscendo a superare il cancello d’entrata avrebbero scaricato ingenti quantità di rifiuti speciali sul terreno circostante il fabbricato e all’interno dei locali, depredati di porte e finestre, bagni e balaustre. Rinvenuti bidoni e materiale di copertura di tetti, assieme a  buste di plastica nera, oltre ai residui di un incendio scoppiato nella struttura negli anni passati. Non viene escluso che la palazzina fosse usata come ricovero da alcuni senzatetto della zona.

Rifiuti nell'ex macello

Rifiuti nell’ex macello

Rifiuti nell'ex macello

Rifiuti nell’ex macello

Rifiuti nell'ex macello furgone sequestrato

Rifiuti nell’ex macello furgone sequestrato

Commenti

commenti