Il 3 giugno, presso il Liceo Immanuel Kant, alle ore 16:30, si terrà, uno spettacolo realizzato dai ragazzi del laboratorio teatrale della scuola, la compagnia “Barraca Kantiana” con il titolo “L’ora di … teatro”, rifacendosi a Recalcati.

Da quanto dichiarato dalla Professoressa Isa Laura, referente del progetto, “l’idea ha avuto inizio ad ottobre ed è nata con la passione di realizzare qualcosa per i ragazzi con attività laboratoriali che potesse metterli alla prova partendo dalla costruzione del copione, alla sceneggiatura, ai costumi per arrivare alla realizzazione dello spettacolo, il tutto sotto la mia stretta supervisione essendo io stessa laureata in Storia del Teatro, mettendomi anche io in gioco, attraverso i rimaneggiamenti di testi in lingua e non (inglese, francese e spagnolo) coadiuvata dai colleghi di lingua, Prof.sse: Pina Mariani, Gina Simioli, Serena Verola, Rita Ferrara, Ada Mango, e talvolta traducendoli anche in napoletano, in modo tale che loro potessero giocare con le parole.

Il Fil rouge sono i pezzi del teatro italiano, strutturati in modo ironico, creando una parodia del testo.

L’impianto generale ruota sulla messa in scena di una classe, un’ora qualsiasi di lezione che però diventa un metateatro perché i ragazzi immaginano di fare un’audizione per il teatro che ci sarà l’ora successiva. I giovani a turno si alzano immaginando quale pezzo proporre per l’audizione a cui tengo molto. Il tutto si conclude con una professoressa, punto di riferimento, che incoraggia i ragazzi.

Ho poi voluto inserire un testo chiamato “Utinam”, che significa “volesse il cielo” che vuole rappresentare uno sfogo graffiante nei confronti del mondo virtuale in cui i ragazzi di oggi si sono completamente immersi perdendo ogni rapporto con la realtà.
In fine ci sarà una mia interpretazione su di un pezzo tratto dalla novella di  Giambattista Basile  interpretato dell’attore teatrale Peppe Barra, “Il Tempo”, rimaneggiata da me sul finale, e una chicca che ho inventato a favore di Molière facendolo interpretare a turno da un ragazzo e una ragazza, il cui protagonista invece di essere avido di denaro è avido di like.

Ci sarà, poi, la partecipazione straordinaria della Signora Anna Orefice che interpreterà il mongolo: ” Madonna delle rose” di De Filippo.”

Gli alunni aspettano tutti con grande entusiasmo.

 

Teresa Barbato

Commenti

commenti