Gentile consigliere Marrone,

non sono solito rispondere sui social a chi ricopre ruoli istituzionali, ma in questo caso faccio un’eccezione ed utilizzo la

Sua bacheca per farlo in modo chiaro ed inopinabile.

Come conferma la foto che ho allegato, l’ufficio competente ha provveduto a rispondere alle sue lecite richieste di accesso agli atti già il 20 maggio (come dimostra il protocollo in alto a sinistra). Tra le altre cose il responsabile lo ha fatto ben prima del termine ultimo disposto dalla Legge come invece si è stati abituati per circa 30 anni in questo Ente.

Non capisco come possa affermare il contrario, visto che,

Come confermano gli atti, Lei è il primo destinatario della missiva.

Non capisco neanche perché non abbia chiesto notizia agli uffici competenti prima di creare clamore sul nulla. Eppure Lei è tra i consiglieri più presenti nella casa comunale e nelle aree adiacenti, sarebbe bastato porre una semplice domanda considerato che ci incrociamo decine di volte al giorno ed avremmo evitato di scomodare la Prefettura per un qualcosa che non è mai accaduto. A tal proposito, anche a tutela della Sua immagine e dell’importante funzione di controllo che Lei ha in quanto consigliere di opposizione, ho già provveduto a far presente il tutto alla Prefettura con nota pec di questo pomeriggio, al fine di evitare un inutile lavoro agli uffici ministeriali già ampiamente oberati.

Certo di aver fatto cosa gradita nel chiarire a Lei e alla cittadinanza quanto accaduto (o meglio ‘quanto non accaduto’), La saluto e La invito in futuro a confrontarsi. Io, così come l’amministrazione comunale, ero, siamo e saremo a Sua disposizione e a chi chiederà spiegazioni nell’ottica della più ampia trasparenza.

Di seguito il documentoscansione_2.stamped

 

Commenti

commenti