“Finalmente lasciamo gli ultimi posti di questa speciale classifica”, inizia così il post che annuncia che Melito è il 537esimo comune nella classifica dei comuni ricicloni. Sarebbe un grande successo se non fossero solo 13 i comuni che hanno fatto peggio.

A differenza di quanto riportato sui social dal Sindaco, Antonio Amente, si tratta di un’ennesima sconfitta che annuncia, ancora una volta, gli scarsi risultati che l’attuale amministrazione sta portando a casa.

All’inizio del post si legge la frase:“Raccolta differenziata, arrivano segnali positivi: +6% rispetto all’anno precedente” ma si tratta di una vera e propria contraddizione in cui si annuncia un aumento del sei percento rispetto all’ultimo anno di consiliatura di Venanzio Carpentieri e che allo stesso tempo mostra i numeri disastrosi dei primi due anni della gestione Amente (26% nel 2017 e 25% nel 2018).

Secondo il primo cittadino “sono numeri che ci danno fiducia, ma che non possono in alcun modo appagarci.
C’è bisogno di dare continuità per poter raggiungere gli obiettivi che ad inizio mandato ci siamo prefissato”, in realtà sarebbero numeri che qualsiasi amministratore nasconderebbe in un cassetto o userebbe per ammonire i cittadini e fare autocritica, invece di annunciarli con entusiasmo ma forse lo stress da coronavirus non ha permesso una visione chiara dei numeri tutto sembrano fuorché beneauguranti. Forse ci sfugge qualcosa.

Commenti

commenti