Secondo il sindaco sarebbero solo “farneticazioni di personaggi in cerca di autore”

 

 

Negli ultimi giorni i bollettini Covid-19 della regione Campania hanno molto insospettito i cittadini melitesi.

Negli ultimi giorni, infatti, molti quotidiani online hanno pubblicato notizie riguardanti casi di Covid-19 anche a Melito ma il primo cittadino ne ha dichiarati soltanto tre, fino a ieri, quando dopo la denuncia del Consigliere Rinaldi, ha annunciato che, in realtà, i contagi in città sarebbero 7.

Il post del Sindaco

“Ancora una volta si è cercato di fare puro sciacallaggio politico su una tematica serissima come quella relativa alla situazione Covid-19 a Melito.

Neanche in momenti come questi si mette da parte l’appartenenza politica in nome della salute dei cittadini melitesi.

I dati relativi al Covid-19 sono stati SEMPRE comunicati alle testate giornalistiche che quotidianamente offrono un report sulla pandemia in Campania ed in particolar modo in Provincia di Napoli, come dimostrano gli articoli pubblicati sul portale InterNapoli.it o su altri quotidiani cartacei ed online che si occupano di ciò.

Ad oggi risultano 8 positivi al Covid, di cui 7 asintomatici in isolamento domiciliare ed uno soltanto sottoposto a ricovero ospedaliero.

Sei nostri concittadini, anch’essi asintomatici che avevano contratto il virus al ritorno dalle vacanze fuori regione, sono invece risultati NEGATIVI ed attendono il terzo tampone per la clinica guarigione.

QUESTI SONO I FATTI, IL RESTO SONO BANALI E PUERILI FARNETICAZIONI DI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE”.

Melito. Rinaldi accusa: "Dati Covid omessi", Amente smentisce ma rilancia

Ma i pensieri sono, ancora una volta, discordanti poiché secondo i dati dell’Asl i positivi a Melito sarebbero 13 e non 7, come dichiarato dal Sindaco.

Melito. Rinaldi accusa: "Dati Covid omessi", Amente smentisce ma rilancia

La richiesta di accesso agli atti è stata fatta dal Consigliere Renato Rinaldi e, dopo diversi giorni, è venuto a conoscenza dei veri dati riguardanti il Covid-19 a Melito.

A denunciare quanto sta accadendo è stato proprio il suddetto Consigliere, attraverso un primo post sui social, a cui è poi seguito il post del Sindaco che, nonostante i dati dell’Asl, ha deciso di negare l’evidenza, affermando che si tratta soltanto di farneticazioni di personaggi in cerca d’autore.

“LA VERITÀ SUL COVID A MELITO, I NUMERI REALI DEI CONTAGI

Ieri mattina mediante una richiesta di accesso agli atti a mia firma, ho ottenuto le comunicazioni inviate dalla ASL di Napoli nord al protocollo del comune aventi ad oggetto la diffusione del Covid -19 nel nostro paese. Ciò che ho scoperto e verificato é che, come tanti immaginavano, il numero reale dei contagi che hanno colpito Melito é totalmente in antitesi da quanto dichiarato dal sindaco.

A fronte dell’unico caso positivo al virus dichiarato da Amente nel periodo tra il 20 al 31 agosto, la ASL ne comunicava di fatto 5. Stesso discorso per settembre, dei soli 2 casi dichiarati il giorno 3 dal primo cittadino, nel periodo tra il 1 fino al 13 i positivi segnalati dalle autorità sono stati 8, di cui 3 solo l’altro ieri. Un totale quindi di 13 casi effettivi negli ultimi 26 giorni contro i soli 3 dichiarati. 13 contro 3. In pratica, l’amministrazione ha fatto risultare i contagi quasi 5 volte di meno di quanto in realtà fossero.

L’ennesima mancanza di rispetto da parte del sindaco nei confronti di questo paese che, grazie anche alla compiacenza di alcuni capisettore dediti ad ostacolare chi cerca di effettuare opere di trasparenza per non nuocere l’amministrazione, è impegnato dal suo insediamento unicamente a curare la campagna elettorale del figlio per le imminenti elezioni regionali. A nulla importa mentire ai propri cittadini su informazioni che riguardano lo stato di salute del territorio. Nulla importa se i dipendenti comunali lavorano in una situazione in cui non le parole “distanziamento sociale” e “dispenser igienizzanti” sono strumenti che appartengono ai desideri più proibiti. L’unica cosa che conta è fare voti, per il resto poi si vede.

Quante altre cafonerie, bugie e prepotenze deve vivere questa comunità?
I melitesi meritano di sapere come stanno le cose, meritano di avere un dato preciso sull’andamento dell’epidemia e meritano tutt’altra gente che li rappresenta. Mettiamo un freno a tutto questo”.

Commenti

commenti