Roma. “L’abolizione del superticket sanitario a partire da settembre 2020, come annunciato dal ministro della Salute Roberto Speranza, è un provvedimento fondamentale per rendere la sanità nel nostro Paese più equa e universale. Milioni di italiani, famiglie monoreddito, operai, impiegati, artigiani, si vedranno alleggeriti di un carico spesso insostenibile che ha ridotto drammaticamente il ricorso alle cure e alla prevenzione. Una misura di equità sociale cui deve seguire il potenziamento del personale sanitario e delle strumentazioni diagnostiche per  ridurre i tempi delle liste d’attesa”.

Lo ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan.

Commenti

commenti