Ritrovati video da scene horror

La ragazza 22enne violentata per giorni lo scorso settembre, è stata capace di ricostruire tutto ciò che le era accaduto.

Sebbene in un primo momento fosse totalmente sotto shock, grazie alla sua forza di volontà e soprattutto alla sua sete di giustizia, è stata capace durante i vari interrogatori, di raccontare tutto ciò che aveva subito.

Tre amici di famiglia, ingannandola, l’avevano portata in un casolare non distante dalla sua abitazione di Maddaloni, dove per giorni l’avevano violentata, filmata, derisa e abusata psicologicamente.

La ragazza nonostante l’età e un leggero ritardo mentale che l’affligge, ha aiutato gli inquirenti che grazie a lei, sono giunti ai colpevoli: una coppia di 30enni e un 65enne, sarebbero gli autori di tale scempio.

Dopo mesi di indagini, le Forze dell’Ordine sono giunte sul luogo della violenza e hanno ritrovato svariati video dell’abuso subito dalla giovane: scene raccapriccianti che hanno inorridito persino gli inquirenti.

I malfattori volevano utilizzare i video come metodo estorsivo per non far denunciare tutto ciò che era accaduto, minacciando la giovane di farli girare in rete.

La coppia di 30enni erano volti già noti alla polizia: in ogni caso, grazie alla testimonianza e alla denuncia della 22enne, si è potuto risalire ai delinquenti che, si spera, pagheranno per i loro reati.

Maddaloni. Violentata da amici di famiglia per giorni: si concludono le indagini

Commenti

commenti