L’ex senatore deve difendersi dalle accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione elettorale

Il Tribunale di Napoli, VII Sezione Penale ha disposto la revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari, precedentemente applicata, e ordinato l’immediata liberazione dell’ex senatore Luigi Cesaro.
    Cesaro era ai domiciliari nell’ambito di una indagine della DDA, in cui gli sono stati contestati i reati di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione elettorale aggravata.

La decisione è stata assunta perché, come riconosciuto dal Tribunale, sono venute completamente meno le esigenze cautelari. Viva soddisfazione è stata espressa dall’ex senatore difeso dagli avvocati Alfonso Furgiuele e Michele Sanseverino.

“Provvedimento conforme”

    “La difesa, pertanto, ora intende affrontare il giudizio di merito – conclude Furgiuele – nella certezza di riuscire a dimostrare l’infondatezza delle accuse mosse nei confronti dell’imputato ed ottenere la giusta sentenza di assoluzione”.

Commenti

commenti