Sono circa due settimane che il Governo italiano ha, tramite un Decreto, dato inizio alla quarantena obbligatoria per tutti i cittadini data la situazione drammatica che aveva visto l’aumento di contagi dovuti al coronavirus; infatti, nonostante inizialmente le zone rosse fossero solo alcuni comuni lombardi, la prevenzione non è servita per limitare il diffondersi della pandemia, poiché molte persone residenti nelle zone rosse, hanno deciso, nonostante il divieto, di partire per il Sud, contribuendo quindi al dilagarsi del CoVid-19.

Cosa accade al nostro cervello quando siamo costretti all’isolamento?

La paura del contagio, unita alla convivenza forzata e all’isolamento, porta con sè delle conseguenze di natura psicologica.

Sono stati effettuati degli studi riguardanti tale argomento, in particolare una ricerca condotta nel 2009 ha evidenziato come durante l’epidemia di SARS su un campione di 500 persone dello staff medico cinese, queste abbiano mostrato dopo alcuni giorni dall’inizio della quarantena obbligatoria, un aumento dell’ansia e dello stress oltre che un disturbo post-traumatico dovuto alla situazione di calamità.

Un altro studio condotto nel 2013, ha rilevato circa le stesse problematiche riscontrate nello studio del 2009 ed è stato condotto su un campione che ha visto protagonisti i bambini e i loro genitori sottoposti a quarantena o altre misure di isolamento.

L’ansia patologica e la quarantena

Per le persone già affette da disturbi psicologici di tale natura, la quarantena forzata risulta essere deleteria se non affrontata nella maniera giusta perché rafforza paure e ansie già preesistenti.

Come arginare il problema

Gli psicologi e studiosi su questo non hanno dubbio: una delle metodologie da adottare da parte di un Governo è quella di render noto con trasparenza quello che accade tramite una dialettica comprensibile e chiara; inoltre è consigliabile da parte dei mass-media, non travolgere gli ascoltatori con notizie catastrofiche ma puntare sugli aspetti positivi garantendo allo stesso tempo notizie veritiere e realistiche.

Nazarena Cortese

Commenti

commenti