Dopo aver ricevuto un avviso di sfratto da parte della NapoliServizi, azienda che gestisce il patrimonio immobiliare del Comune di Napoli, G.R., 80enne residente in Via Posillipo, è stata colpita prima da un infarto, poi da un ictus ed è deceduta nella serata di ieri.

L’appartamento, così come l’intera palazzina, era finito sotto inchiesta poiché affittata dal Comune a prezzi stracciati e, secondo la NapoliServizi, adibito ad uso commerciale.

Dopo la scadenza del contratto, lo scorso anno, Palazzo San Giacomo aveva deciso di voler recuperare l’abitazione, mandando alcuni avvisi di sfratto all’anziana.

Il Comune di Napoli ha aperto, dunque, un’indagine per chiarire l’accaduto ma, secondo l’avvocato, il contratto non era scaduto poiché non disdetto 6 mesi prima della scadenza e, pertanto, rinnovato in automatico.

Di conseguenza, il figlio della donna continuerà ad abitare nella sua casa, pagando l’affitto secondo il contratto.

Laura Barbato

Commenti

commenti