Insigne lavora senza sosta, per recuperare l’infortunio che lo ha tenuto fermo queste ultime settimane. Infatti ieri è stato l’unico a non voler approfittare del giorno di riposo, dato da Ancelotti a tutta la squadra dopo la partita di Empoli. Il capitano azzurro si sta impegnando molto per essere convocato già col Genoa domenica, così da poter mettere minuti nelle gambe per l’importantissima trasferta di giovedì prossimo contro L’Arsenal all’Emirates. Naturalmente dovrà decidere il mister, se Insigne per domenica è perfettamente guarito, quindi arruolabile e convocarlo col grifone. Se così fosse Insigne potrebbe addirittura giocare fin dall’inizio magari al posto di Mertens, per  poi essere sostituito dopo un’ ora di gioco proprio dal belga, per non rischiare di far stancare troppo il talento di Frattamaggiore. Quello che si è potuto notare è che comunque aldilà di alcuni tifosi che hanno e criticano ancora adesso Insigne dicendo “che quando c’è lui il Napoli gioca in dieci”. Tutta questa polemica è una vera e propria assurdità, Il Napoli senza Insigne perde molto  dal punto di vista tecnico, ma soprattutto la sua assenza  rende la squadra azzurra più prevedibile. Insigne è un talento pazzesco e questo nessuno lo può negare, Ancelotti sa bene che Il Napoli senza Insigne perde molto, quindi farà di tutto per averlo a pieno regime contro L’Arsenal e Insigne lavora proprio per accontentare il mister, cercando di fare tutto il possibile per velocizzare il recupero ed essere pronto il più presto possibile. Ancelotti comunque quello che si aspetta dalla squadra domenica contro il Genoa, è una risposta alla prestazione da dimenticare contro L’Empoli. Vorrà vedere sicuramente una squadra che si impegna di più, che giochi con molta più intensità e che soprattutto sia meno presuntuosa e meno leziosa. Il Napoli deve rispondere, come meglio può alle critiche che gli sono piovute addosso in questi giorni, dovrà vincere ma soprattutto convincere tutti che la sconfitta di Empoli è stato solo un incidente di percorso e  che il vero Napoli non è quello che si è vesto al Castellani. Napoli che è chiamato a vincere, anche per prepararsi al meglio alla partita contro i Gunners, proprio per questo Ancelotti preparerà al meglio la gara di domenica, tenendo conto tutti i fattori, in particolar modo quello mentale. Mentalità che dovrà essere diversa da quella di Empoli, mentalità che deve cambiare già col Genoa, pensando di non affrontare loro ma già l’Arsenal, perché solo così il Napoli può avere qualche chance di battere la squadra di Emery, avendo una mentalità vincente e consapevolezza dei propri mezzi.

Antonio Ferrigno.

Commenti

commenti